Il Mito della Caverna di Platone facilitato

Sostegno-superiori/ autismo, BES, Buone Pratiche, cooperative learning, Disabilità, disabilità intellettive, DSA, Educazione civica, filosofia, inclusione, Metodologia, Percorso differenziato, Percorso personalizzato, plusdotazione, programmazione differenziata, programmazione semplificata, stranieri, Strategie

Apprendimento cooperativo di realizzazione di un video illustrativo del mito della Caverna di Platone

Un esempio di compresenza didattica inclusiva nella scuola secondaria di II grado

Questo cartone animato rappresenta una versione facilitata e accessibile del “Mito della Caverna” di Platone. E’ stato realizzato dagli alunni della classe 3AAS del Liceo Artistico “Preziotti-Licini” di Fermo che hanno rimaneggiato il contenuto del mito in chiave più fedele possibile all’originale platonico, creando un prodotto accessibile alle persone con difficoltà linguistiche, generiche e specifiche grazie alla voce narrante, alla sottotitolazione e alla scelta di un linguaggio semplificato.

Strategie didattiche

Il punto di forza del lavoro realizzato è nell’interdisciplinarietà della proposta e nella co-progettazione, nel co-insegnamento e nella co-valutazione da parte della docente di filosofia e dell’insegnante di sostegno.

Il compito di realtà interdisciplinare e laboratoriale

Il compito di realtà, ossia la realizzazione del video ha coinvolto diverse discipline: in primis filosofia, poi laboratorio della scenografia (gli studenti hanno studiato i costumi greci), progettazione di architettura (gli studenti hanno progettato ambientazioni relative alla pòlis greca), religione e, naturalmente, le docenti di sostegno.

La compresenza didattica inclusiva

La modalità operativa della compresenza didattica inclusiva è un concetto formulato dal prof. Dario Ianes come strategia fondamentale per l’inclusione e come passo avanti verso l’Universal Design for Learning (Ianes e Cramerotti, 2015). La docente di filosofia e l’insegnante di sostegno hanno ideato il lavoro in team, hanno collaborato e gestito insieme il lavoro di Apprendimento cooperativo e, infine, hanno co-valutato il lavoro. 

Il Cooperative Learning

La proposta di lavoro prevedeva la divisione della classe in 3 gruppi corrispondenti alle 3 sequenze del mito della caverna, così come già suddivisa nel libro di testo adottato dalla classe. Ogni alunno aveva un ruolo all’interno del proprio gruppo (gestore dei turni di parola, gestore del tempo, scrittori, controllore del tono di voce). Ogni gruppo ha evidenziato i concetti-chiave all’interno della sequenza assegnata e ha realizzato lo storyboard

Un lavoro interdisciplinare e trasferibile

Realizzare un video è stata una sfida sostenibile per gli studenti, cioè non ansiogena, anzi, utile per creare la motivazione e suscitare emozioni positive legate al successo del prodotto finale. E’ un esempio di didattica inclusiva che è trasferibile e adattabile ad altri argomenti e ad altre discipline.

La stampa parla del nostro lavoro…

Articolo “Platone, il mito della caverna in un video per l’inclusione” – Corriere Adriatico – 8 giugno 2023

Articolo “Filosofia e Inclusione-Il progetto dell’Artistico– Il Resto del Carlino – 8 giugno 2023

https://www.viverefermo.it/2023/06/08/fermo-il-mito-della-caverna-per-tutti-il-progetto-di-didattica-inclusiva-realizzato-da-studenti-e-docenti-del-liceo-artistico-preziotti-licini/104895 (07/06/2023)

 

Share this Post