sostegno-superiori/ autismo, classi quinte, programmazione differenziata, programmazione semplificata, schede didattiche, secondo biennio, Strategie/ 0 comments

Il TTAP: uno strumento per il docente di sostegno che intende programmare la transizione all’età adulta di un ragazzo con disturbo dello Spetto Autistico.

Cos’è il TTAP

Il TTAP ( TEACCH Transition Assessment Profile) è una valutazione funzionale in tre contesti ambientali diversi attraverso la combinazione di una valutazione diretta delle abilità (Scala di osservazione diretta) e interviste a genitori, insegnanti o operatori che valutano la performance in ambiti domestici (Scala dell’osservazione a casa) e in un setting scolastico/lavorativo (Scala dell’osservazione a scuola e al lavoro).

Quali aree funzionali valuta?

Ognuna delle tre scale di valutazione prende in esame 6 aree funzionali fondamentali e necessarie a un soggetto per ottenere un adeguato livello di indipendenza e di successo nella vita adulta:

Attitudini lavorative: le capacità che sono necessarie per portare a termine una serie di attività, ad esempio saper scegliere, contare, o misurare.
Comportamenti lavorativi: le capacità pratiche necessarie per portare a termine vari tipi di lavoro, ad esempio lavorare in modo indipendente, di reagire in modo appropriato alle interruzioni e di tollerare lo svolgimento di un lavoro già appreso ma organizzato in maniera diversa.
Funzionamento indipendente: una vasta gamma di abilità in modo da poter determinare la capacità di prendersi cura di sé e di programmazione autonoma. Le abilità di cura della propria persona comprendono le capacità di lavarsi, vestirsi, andare in bagno. Le abilità di programmazione autonoma comprendono le capacità di usare i mezzi di trasporto, consultare un orario, usare il denaro, seguire le norme di sicurezza e saper gestire le proprie cose.
Abilità di tempo libero: capacità di un soggetto di impiegare il proprio tempo libero in attività socialmente accettabili e piacevoli in relazione agli interessi del soggetto e alla sua capacità di sostenerle nel tempo.
Comunicazione funzionale: le capacità di comunicare i bisogni elementari, la comprensione di istruzioni e gesti, la risposta ai comandi e ai divieti e la comprensione di concetti di semplice uso, nonché i colori, i nomi delle persone e degli oggetti e degli ambienti.
Comportamento interpersonale: abilità sociali e interpersonali più importanti per ottenere un buon successo negli ambienti lavorativi. Vengono, quindi, indagate capacità come quella di saper lavorare senza distrarre gli altri, sapersi comportare in gruppo e saper reagire in maniera appropriata alle varie situazioni..

Come può essere utile ai docenti di sostegno?

Il TTAP può quindi risultare molto utile per:
Definire il piano educativo di transizione all’età adulta del soggetto autistico in ambito psicoeducativo, scolastico e di strutture residenziali.
• Proporre un PEI (Piano Educativo Individualizzato) completo e ricco di stimoli e variarlo nel tempo a seconda dei cambiamenti del soggetto con autismo.

Nel TTAP la struttura del test e il sistema di punteggio sono organizzati come nel PEP-3, con il quale è in continuità, rivolgendosi il primo a soggetti adolescenti e adulti e il secondo a bambini in età scolare fino alla preadolescenza.

Esempio:

Maggiori informazioni qui: http://memoesperienze.comune.modena.it/progettoautismo/index_htm_files/COCCHI_MeMO%2026_11_2016.pdf

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>